10.00

“Un giorno, non tanto tempo fa, rovistando nel fondo di un cassetto così come moltissimi fanno, mi sono ritrovato fra le mani una tessera. La ‘mia’ tessera di Figlio della Lupa. Praticamente nuova, ovviamente riposta e forse dimenticata anche da chi, per primo, l’ha avuta fra le mani. Guardandola e osservando le quattro facciate che la compongono, sono stato preso da ricordi e da emozioni profonde. Come attraverso un caleidoscopio, frugando fra i ricordi assopiti dagli anni, ho rivissuto un momento magico della vita. Quello della mia infanzia! Da adulto, ho scoperto che a quattro anni di età mi ero impegnato, sotto giuramento, a «servire, se necessario col mio sangue, la causa della rivoluzione fascista»”. Comincia così il viaggio nel passato che Togni conduce con garbo e pacatezza di toni attraverso gli occhi del bambino che, settant’anni prima, nasceva sotto le insegne littorie e muoveva i primi passi nell’Italia plasmata in ogni suo aspetto dalla volontà e dalle idee del Duce. “Quel poco che sento e che leggo del ‘ventennio fascista’ italiano, mal si accorda con i ricordi di un bambino che ne ha vissuti gli ultimi dieci anni. Dedico questi ricordi ai giovani che di questo periodo non hanno saputo proprio niente, se non ‘di parte o di comodo’”.

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia