Fino a dove può spingersi un essere umano per sopravvivere ai propri ideali?

Scegliendo di arruolarsi nel 1938 – appena diciottenne – convinto sostenitore della Patria, Giovanni Cortellini verrà a trovarsi a confronto con una realtà non prevista.

Dopo l’esperienza tragica della campagna di Russia, l’8 settembre 1943, a Vipiteno, fu fatto prigioniero dai tedeschi e cominciò la sua odissea nei campi di concentramento prima in Polonia e poi in Germania. Rifiutare di aderire alle SS o alla R.S.I. significò soffrire la fame fino allo sfinimento, essere umiliati senza motivo, vivere in baracche o camerate sudice, chiusi nel reticolato controllato dalle sentinelle: un lucido progetto per indurre i prigionieri al lavoro forzato.

Una RESISTENZA, resa possibile dalle lettere – attese con trepidazione – della famiglia e della fidanzata, che determinò un ripensamento dei valori e dei “miti” della giovinezza per aprirsi ad un futuro di pace.

Nella violenza estrema della guerra ci furono però anche incontri nei quali prevalse la comune umanità o addirittura l’emozione di trovare nella famiglia Wettwer rispetto, calore e condivisione di piaceri culturali come la musica: “un’oasi di gentilezza e di pace nell’inferno della prigionia” (Giovanni Cortellini)

Una riflessione che vale anche per l’oggi.

 

Svuota
DIARIO DI PRIGIONIA 1943-1945 – dai campi di concentramento

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

23×16

Pagine

480

Peso

678 gr

Data di Pubblicazione

2022

ISBN

9788864629148

Lingua

Italiano

scegli il formato che desideri acquistare ➨

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “DIARIO DI PRIGIONIA 1943-1945 – dai campi di concentramento”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.