L’esplosione della stampa nell’Europa del Cinquecento sembra offrire a chiunque sappia scrivere la possibilità di divulgare liberamente le proprie idee. Per la prima volta la parola ha a disposizione uno strumento poderoso di amplificazione e di risonanza: un vento cui affidarsi con la certezza di essere portati lontano.

Ma la dimora del linguaggio è solo un asilo, anzi un esilio: nello scrivere, come nel parlare, si fa esperienza del limite: tutto può essere esposto in maniera differente, tutto può essere frainteso o male interpretato. Il secolo della libertà di scrivere vede così anche la nascita della censura: sono i tribunali dell’Inquisizione, in cui il senso messo a verbale, inserito in altro contesto, è distorto.

Giacomo Castelvetro in Inghilterra (1581-1591) – Una fonte dall’Italia per William Shakespeare

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

24×17

Pagine

180

Data di Pubblicazione

20/04/2022

Peso

320 gr

ISBN

9788864629247

Lingua

Italiano

scegli il formato che desideri acquistare ➨

7 recensioni per Giacomo Castelvetro in Inghilterra (1581-1591) – Una fonte dall’Italia per William Shakespeare

  1. Anna Bernasconi

    Testo curato, che approfondisce il legame tra il drammaturgo più famoso della storia e l’Italia: che il nostro paese e le sue narrazioni siano state d’ispirazione a Shakespeare è cosa nota, ma è stato interessante scoprire il ruolo che Giacomo Castelvetro, mio conterraneo modenese, potrebbe aver ricoperto, in quanto fonte. Il libro affronta in ogni ogni capitolo un case study incentrato su un’opera shekespeariana diversa, e indaga sulle possibili influenze che potrebbe aver subito, e che sono rintracciabili negli scritti che l’autore attribuisce a Castelvetro. Altro elemento interessante nel libro è la presenza di due appendici contenenti le trascrizioni della produzione di Castelvetro, che possono essere quindi direttamente consultate.

  2. Marco Divincenzo

    un libro storico che mi ha intrattenuto fino all’ultima pagina. La storia è ambienta nel 500, nel periodo in cui la censura in italia era padrona. Essendo un appassionato di questo periodo storico non potevo non avere questa edizione . a tutti i fanatici della letteratura lo consiglio vivamente.

  3. Alessandra

    Analisi sulla figura e le opere di Giacomo Castelvetro, grande umanista modenese del 1500 divenuto in vita insegnante di italiano dei monarchi scozzesi e grande divulgatore della letteratura italiana in Inghilterra, la stessa che ispirerà il grande drammaturgo inglese William Shakespeare.
    Davvero interessante il capitolo sui proverbi.

  4. Maria giovanna

    mi è piaciuto subito. già dal primo capitolo ho capito che era il libro fatto per me . Complimenti all’autore e colui che ha realizzato la copertina. molto bello.

  5. Maria

    Importantissima testimonianza di quanto l’Umanesimo sia stato di grande ispirazione per l’opera dell’immenso drammaturgo William Shakespeare, grazie al contributo del modenese Giacomo Castelvetro alla diffusione della letteratura italiana in Inghilterra. Per gli appassionati di letteratura, italiana e inglese, questo libro rappresenta un interessante punto d’incontro tra le due.

  6. Filippo

    Libro veramente interessante sull’influenza italiana nella letteratura inglese dell’epoca di Shakespear. Figura emblematica di questo processo è un modenese, Giacomo Castelvetro, prima emigrato in Inghilterra e poi precettore di italiano alla corte di Giacomo I.
    Consigliatissimo a tutti gli appassionati di letteratura inglese

  7. Barbara

    Interessante approfondimento sulla letteratura inglese dell’età elisabettiana, e soprattutto sugli stimoli forniti dagli autori italiani allo sviluppo delle opere più famose di Shakespear, da Amleto al Mercante di Venezia.
    Consiglio vivamente

Aggiungi una recensione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.