Il “Triangolo della Morte” è diventato, prima nel linguaggio storico e giornalistico poi in quello comune, un termine che spesso identifica l’intero capitolo della violenza politica emiliana postbellica. Ma non vi è dubbio che questa non invidiabile definizione fu coniata per la prima volta espressamente per Castelfranco Emilia e la primogenitura spetta ad un giornalista, Angelo Villa, che nella primavera del 1946 condusse un’inchiesta sulla catena di delitti che da circa un anno insanguinavano quel comune. Per “Triangolo della Morte” era intesa la zona tra Castelfranco capoluogo e le frazioni di Manzolino e Piumazzo, principale teatro di quegli omicidi. Con questo romanzo Poppi focalizza la sua attenzione sulla figura di una delle vittime, il commerciante di bestiame Argo Trentini, ucciso nel novembre 1945 in circostanze mai ben chiarite. Utilizzando il bagaglio dei ricordi famigliari – Trentini era il fratello della nonna – dei riscontri giornalistici e delle cronache giudiziarie, Poppi ricostruisce, rielaborandola in chiave narrativa, una vicenda che fa luce in quella zona di confine tra delinquenza comune e violenza politica che lega insieme una parte consistente di quei delitti, a Castelfranco come altrove.
Dalla prefazione di Giovanni Fantozzi

 

Svuota
La colpa di Argo, Alberto Poppi, Modena
LA COLPA DI ARGO – Nel Triangolo della Morte, un delitto ancora irrisolto

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

21×14,5

Pagine

208

Peso

340 gr

Data di Pubblicazione

2012

ISBN

9788864621586

Lingua

Italiano

scegli il formato che desideri acquistare ➨

,

 

2 recensioni per LA COLPA DI ARGO – Nel Triangolo della Morte, un delitto ancora irrisolto

  1. Valentino Galullo

    Molti autori si fanno carico del compito di raccontare gli avvenimenti e le tragedie della guerra e degli anni appena successivi, volenterosi di far ricordare le vittime e gli eroi. Qui viene proposta la storia di una delle vittime degli omicidi del Triangolo della Morte, nel dopoguerra, della quale l’autore ripercorre i passi e i misteri della scomparsa attraverso le memorie dei famigliari, indagini e articoli dell’epoca.
    Il libro è impostato come un romanzo investigativo, rendendo la storia più avvincente.

  2. Antonio

    Un tema ancora molto attuale e per certi versi controverso. Incredibile pensare che a distanza di quasi settant’anni gli animi siano ancora accesi su queste vicende.

Aggiungi una recensione

Galleria video