Il volume presenta il catalogo completo dei gessi che compongono la collezione della riaperta “Galleria delle Statue” di Modena, la cui lunga storia comincia all’epoca dell’Accademia Atestina (1790) e giunge fino all’Istituto d’Arte Venturi, per avviarsi a un progressivo declino a partire dagli anni Trenta del Novecento. Oggetto di interesse e riscoperta, la restaurata Galleria delle Statue rappresenta il punto d’arrivo di un lungo percorso di recupero e valorizzazione.

Oltre alle schede dettagliate dedicate alle singole opere presenti nella galleria, calchi in gesso di alcune delle più importanti sculture di ogni tempo, il libro presenta saggi e approfondimenti che consentono di ricostruire da un lato la storia dello spazio espositivo, dall’altro il contesto culturale in cui è andata costituendosi la prestigiosa scuola di scultura modenese. Il libro si completa di un approfondimento tecnico sulla produzione dei gessi e sulle operazioni di restauro che hanno interessato il patrimonio oggi esposto nella Galleria.

LA GALLERIA DELLE STATUE

20.00 18.00

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

21×15

Pagine

96

Peso

280 gr

Anno

2013

ISBN

9788864621708

Lingua

Italiano

 

4 recensioni per LA GALLERIA DELLE STATUE

  1. Elena

    Per un’ appassionata di arte è interessante sapere che i ragazzi dell’ Istituto di arte di modena si interessino al patrimonio artistico locale e alla sua valorizzazione.

  2. Elisabetta

    Libro molto interessante ed esplicativo, è anche un utile guida per la visita della galleria modenese.

  3. Brian Evans McConnell

    Cara Gabriella —
    Complimenti del libro! Si tratta di un argomento spesso ignorato dagli studiosi, ma davvero importante per lo sviluppo della sensibilita’ estetica nell’800 e inizio ‘900. Consiglio contatti con la Norwich Free Academy di Norwich, Connecticut, U.S.A., che ha una collezione simile. Con tanti saluti, Brian

  4. Silvia

    Un libro interessante per gli appassionati d’arte e non, credo che valorizzi molto la galleria modenese e ne incentivi la visita

Aggiungi una recensione