Modena al tempo dell’ultima guerra. Lo sguardo di un bimbo curioso nel mondo, desideroso di crescere e che però reclama gli spazi dovuti all’infanzia. tutt’intorno, i pericoli e l’incertezza di quel tempo, la fatica degli adulti che si adoperano per dissimulare l’ansia e restituire ai piccoli una parvenza di normalità. Al centro del racconto, una scoperta dolorosa. “L’ometto”, come lo chiama la madre, ora dovrà crescere in fretta. Eppure, nonostante il dolore, finita la guerra la vita scorre insieme agli amici, fra le marachelle, i dispetti e le piccole grandi prove in una Modena dove i bimbi vivevano in libertà e potevano misurarsi nelle strade o sui prati senza pericolo nè limitazioni. Il racconto termina con l’inizio dell’adolescenza e le prime schermaglie amorose, ma a questo punto “l’ometto” è già pronto per lasciare spazio all’uomo.

 

 

Svuota
LA SCATOLA DI SARDINE

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

14,5×21

Pagine

200

Peso

280 gr

Data di Pubblicazione

2018

ISBN

9788864625850

Lingua

Italiano

scegli il formato che desideri acquistare ➨

,

 

6 recensioni per LA SCATOLA DI SARDINE

  1. Chiara

    Straordinario! Un libro toccante e coinvolgente, che racconta tanto l’intimità e la tenerezza della vita di un bambino, poi diventato adolescente, quanto la dura realtà della guerra. Davvero ben scritto, lo consiglio a tutti.

  2. Giulia

    Veramente un bellissimo libro!! Storia coinvolgente e piena di memoria. Stupende anche le foto.

  3. Tommaso

    Bello e coinvolgente, l’ho letto tutto d’un fiato! Un romanzo con una storia toccante e personale, lo consiglio

  4. Bruno

    Da leggere tutto d’un fiato! Mi è piaciuto molto.

  5. m. j.

    Il libro descrive gli anni dell’adolescenza dell’Autore nel quadro drammatico del secondo conflitto mondiale. La scrittura è limpida e fluente, niente di accademico o di paludato nel ripercorrere un diario di vita vissuta in cui protagonisti sono proprio quei due: un bambino e la guerra. I sogni e le pulsioni, i giochi e le inquietudini del fanciullo si confrontano vivacemente, ma talora tragicamente, con l’obbrobrio, la miseria e la stupidità dell’esperienza bellica. E’ così che un carro armato, per ragioni che Galizia descrive sin nel dettaglio e di cui qui non si parla per consegnarle al piacere della lettura, diventa una sorta di giocattolo, una “scatola di sardine” entro cui si alimenta, nel dolore, la crescita dell’uomo. La gioia e il lutto, il respiro e il sangue versato, se ne vanno a braccetto.
    Un romanzo da non perdere e su cui riflettere.

  6. Ginevra

    Romanzo molto coinvolgente, ed emozionante, racconta l’infanzia di un bambino modenese durante la guerra. Consigliatissimo almeno da leggere un volta nella vita

Aggiungi una recensione

Galleria Fotografica