In questo studio viene ricostruita la storia di tre grandi tele dipinte dal pittore Luigi Manzini con episodi della Secchia rapita di Tassoni in occasione delle ultime nozze ducali celebrate tra Francesco V d’Austria-Este e Adelgonda di Baviera con un complesso e fastoso cerimoniale messo in scena tra Monaco di Baviera e Modena nell’anno 1842. La paternità delle tele, accertata da Stefano Bulgarelli, è solo una delle interessanti scoperte esposte nella breve e puntuale ricerca: l’opera infatti ricostruisce il grandioso trofeo allestito per il Reale Imeneo dell’ultima coppia ducale, suggerendo di riflesso uno sguardo d’insieme sul costume tradizionale degli apparati celebrativi sacri e profani, diffuso in tutte le corti d’Europa a partire dal tardo medioevo. Caratteristica comune a tali apparati, spesso espressione di eccellenti maestranze artistiche e artigianali, è la difficoltà della conservazione e sopravvivenza nel tempo, sia per le componenti effimere che li costituiscono, sia per la loro vocazione occasionale. Alla luce di ciò, risulta ancora più prezioso il recupero di questo tassello di storia dell’arte e del costume. Un recupero che è stato possibile grazie all’opera di restauro delle tele sovvenzionata dal Lions Club Modena Host, che nel tempo ha dimostrato una particolare sensibilità per il patrimonio locale e in particolare tassoniano.

 

La
LA “SECCHIA” IN TRIONFO – Il carro allegorico per le ultime nozze ducali

6.00 5.40

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

23,5×15

Pagine

40

Peso

80 gr

Anno

2013

ISBN

9788889123621

Lingua

Italiano

3 recensioni per LA “SECCHIA” IN TRIONFO – Il carro allegorico per le ultime nozze ducali

  1. Silvia

    Arte e storia in una rappresentazione di orgoglio per la città di Modena.

  2. Matteo

    Un ulteriore omaggio ad Aleesandro Tassoni da parte della sua città, Modena, che continua ad essere affascinata da “la secchia rapita”, poema il cui umorismo continua a divertire dopo molti secoli.

  3. Sara

    Accurato studio di arte e costume del territorio grazie agli aiuti e la sensibilità verso certe opere di restauro.

Aggiungi una recensione

Galleria video