Trent’anni fa, un po’ meno del tempo di cui mi occupo di questo sport, il trotto e l’ippica erano al centro delle questioni e dei dibattiti sportivi e nei bar, non solo il lunedì come per il calcio, ma tutti i giorni si parlava di trotto e di ippica. Oggi, al contrario, siamo pochi e tutti segnati dall’età e negli ippodromi che nei giorni di gran premio facevano il tutto esaurito, oggi si aprono dolorosi deserti. Attraverso la rubrica di ‘Trotto&Turf’ intitolata ‘Il club della via Emilia’ ho cercato in questi ultimi anni di registrare e di recuperare quel mondo che adesso sembra sull’orlo dell’abisso. Ma, al contrario, la mia speranza, è questo mio contributo serva in una prospettiva di rinascita e riqualificazione.

La via Emilia è qualcosa di speciale per il mondo del trotto, perchè qui, più o meno, è nato e qui ha sviluppato radici che sono tutt’ora vive e cercano di reggere il forte impatto del tempo e della cultura che, anche e soprattutto con l’avvento di Internet, hanno cercato di estirparle. Questa raccolta mirata di ritratti di personaggi particolari, di cavalli, di uomini ma sempre comunque di protagonisti, è un omaggio e un tributo che faccio volentieri a un mondo che mi ha insegnato molto e al quale debbo essere riconoscente. Nel corso della lettura troverete cavalli, allenatori e driver della nostra regione ma anche colleghi giornalisti, appassionati, cultori dell’ippica come una sorta di poesia. Bologna, Modena e Cesena sono tre poli d’attrazione per il trotto, di qui sono passati praticamente tutti i più grandi cavalli e professionisti del settore, qui si corre praticamente tutto l’anno e il nostro umile desiderio sarebbe che tutto proseguisse come prima, quando l’ippica era, dopo il calcio, lo sport preferito  dalla gente, giovani compresi.

 

Rassegna Stampa

Gazzetta 21 Agosto 2020
Svuota
Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia