12.00 10.80

Sembra lontano anni luce, nell’era dei fast food e degli ipermercati, il mondo che Giorgio Boschini ha sentito il bisogno di raccontare. Eppure i suoi profili di personaggi completamente sbiellati, che spuntavano come funghi nella Modena ancora in bilico tra la fame postbellica e gli anni del boom, sono tutti autentici… Leggendo i capitoli di questa specie di Amici miei in chiave modenese ho riconosciuto figure ed episodi che, quand’ero ragazzo, erano già entrati nel mito. È pensando a loro che Antonio Delfini, protagonista occulto ma sempre riemergente in queste pagine, scrisse l’indimenticabile esordio di Una storia, probabilmente la sua narrazione più bella: «Se avessi avuto altri amici, o non li avessi avuti affatto, sarei diventato un grande narratore, prima della caduta del fascismo, e dopo lo sarei rimasto». Ma quei tipici perduti di provincia erano anche i suoi migliori complici nello spreco di sé. Alle loro vite allegramente buttate via, fra una nottata trascorsa “in baracca” e una battuta che lascia il segno, Giorgio Boschini – corrispondente RAI per oltre trent’anni – rende ora questa sobria testimonianza narrativa, volutamente “rasoterra”. (Roberto Barbolini)

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia