“A Palermo, salendo sulla Freccia Del Sud che mi avrebbe portato a Milano, mi resi conto di quanta gente lasciava la Sicilia ogni giorno. Erano per lo più emigranti…”

Questa è la storia del viaggio di “uno di quei tanti siciliani” che hanno abbandonato la propria città natale per darsi una nuova possibilità di vita.

È l’ottobre del 1958 quando l’autore, intraprende a soli sedici anni il suo “viaggio della speranza” dalla Sicilia alla Svizzera, lasciandosi alle spalle conflitti e incomprensioni ma anche nostalgie, affetti e ricordi.

Un racconto autobiografico che fa luce su una vicenda esemplare dell’Italia all’alba degli anni Sessanta, l’epoca delle grandi emigrazioni interne ed europee, quando uomini, donne, ragazzi, ragazze e famiglie intere per “fame di viveri” o per “fame di libertà” lasciavano vecchi borghi e contrade e per approdare in luoghi sconosciuti e spesso ostili.

Il racconto si svolge nell’arco di appena tre giorni, ma nonostante la brevità temporale l’autore riempie queste settantadue ore di riflessioni, passioni e amori, drammi, gelosie, consapevolezza e inconsapevolezza, cultura e ignoranza, etica, virilità, patriottismo e ancora tanto altro. Leggi tutto

Svuota
IL VIAGGIO DELLA SPERANZA

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

21×14,5

Pagine

176

Peso

240 gr

Data di Pubblicazione

2015

ISBN

9788864623313

Lingua

Italiano

scegli il formato che desideri acquistare ➨

,

8 recensioni per IL VIAGGIO DELLA SPERANZA

  1. Andrea Merighi

    Una storia che si ripere anche ai giorni nostri, basti pensare a quanti africani oggi ripercorrono quei binari… Forse dovremmo interrogarci sul perché. Acquisterò nei prossimi giorni il libro.
    Andrea

  2. Antonio Gherardi

    Una bellissima copertina che mi ricorda quando parti dalla mia amata terra verso il nord in cerca di fortuna- tanti anni fa. Ancora oggi quando attraverso lo stretto e mi volto a guardare la mia terra provo una stretta al cuore, come allora. Tanti anni fa…

  3. Lorenzo

    io per quanto mi riguarda sono molto preso e ammerirevole nei confronti di libri degli scorsi secoli perciò leggerlo sarà una sfida e un divertimento assicurato! aspetto a breve un altro libro!

  4. paolo

    libro interessante,coinvolgente, una bella storia, veramente strutturata bene, consiglio molto di leggerlo

  5. roberta

    Mi sembra un libro molto attuale (il titolo dice tutto), che rispecchia la vita di tanti migranti che oggigiorno sono costretti a lasciare la loro terra per trasferirsi altrove, in cerca di pace e libertà. Molto curiosa di leggerlo!!

  6. Anna

    La voce sincera di un autore che ha provato sulla propria pelle le due facce dell’abbandonare la propria terra: il dolore di lasciarsi indietro affetti e luoghi dell’infanzia ma nello stesso tempo la voglia di conoscere e fare di più, cosa non possibile nella Sicilia degli anni 50. Scorrevole e avvincente, ti immerge nell’atmosfera del viaggio e della molteplicità di emozioni alle quali Giovanni va incontro in quei tre giorni che sembrano non finire mai, all’interno di quel microcosmo che è il treno. Consigliato anche per la tematica particolarmente attuale.

  7. Leila

    mi è piaciuto molto! è bello il coraggio di questo ragazzo che parte, va via, lascia tutta la sua famiglia, conflitti e incomprensioni. lo consiglio!

  8. Federica

    Storia avvincente, piena di colpi di scena e soprattutto ambientata in anni difficili. Ma forse sono questi anni faticosi a rendere il tutto più interessante. C’è anche da dire che il ragazzo ha coraggio da vendere.

Aggiungi una recensione