20.00

Una start up bolognese scova su Internet un brevetto del 1926. Riguarda un materiale identico alla plastica, ma naturale al 100% e totalmente biodegradabile. L’azienda si chiama Bio-on; la bio plastica è il PHA, derivato dalla fermentazione di scarti vegetali zuccherini ad opera di batteri: un sogno per il Pianeta, soffocato dalla “sporca“ e indistruttibile plastica derivata dal petrolio. I fondatori Marco Astorri e Guido Cicognani comprano il brevetto con un rocambolesco raid fino alle Hawaii, lo sviluppano, iniziano a produrne piccole quantità scoprendone via via le proprietà innovative e dirompenti. La notizia fa il giro del mondo e Bio-on, quotata in Borsa nel 2014, diventa il secondo Unicorno italiano capitalizzando 1,3 miliardi di dollari. Ma la mattina del 24 luglio 2019 compare su YouTube un video che la definisce “un bluff”, una “seconda Parmalat”. Il titolo tracolla, gli investitori scappano, la Procura apre un’indagine e dopo poco incrimina i fondatori per reati finanziari. L’azienda fallisce, anche se il processo è appena iniziato. L’ennesimo scandalo italiano, o un giallo tutto da svelare?

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

23×14,8

Pagine

160

Peso

295 gr

Data di Pubblicazione

17/01/2024

ISBN

9791255761488

Lingua

Italiano

AUTORE Bio-on

Andrea Franchini

AUTORE Bio-on E-VALLEY

Massimo Degli Esposti

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “BIO-ON – L’unicorno avvelenato”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

RASSEGNA STAMPA

Economia, 18 gennaio 2024

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il sole 24 Ore – 7 febbraio 2024

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

https://www.polimerica.it/cellulare/articolo.asp?id=31275

 

BIO-ON – L’unicorno avvelenato