«Commissario, quando parla così è perché ha in mente qualcosa…»
Poggioli esitò un attimo prima
di completare la frase.
«O meglio, se posso azzardare, qualcuno…»

Modena, primavera 1936.
La bellezza femminile ha molte forme e declinazioni, ma una cosa accomuna tutte le belle donne: non si dimenticano facilmente. Quando Azzurra entra nel piccolo commissariato di Santa Caterina, seguita solo da una scia impalpabile di profumo, il brigadiere Clemente Poggioli si accorge immediatamente di assistere a un’apparizione del tutto eccezionale, e lo strano comportamento del commissario Dallari non fa che confermargli questo sospetto. Ma poi l’incalzare delle quotidiane incombenze, non ultimo il ritrovamento di un corpo senza testa, sembrano relegare sullo sfondo la misteriosa figura femminile, svanita nel nulla insieme all’aroma del suo prezioso tabacco egiziano.
A meno che…
Una Modena fascistissima, impegnata nei preparativi per l’inaugurazione del nuovo stadio cittadino, fa da sfondo a questa vicenda in cui si intrecciano i destini di un’umanità varia e imprevedibile: calciatori, donne fatali, sigaraie, pittori, giardinieri, medici e funzionari di partito, tante storie che paiono ostinarsi a confluire in quell’unica stanza, l’ufficio del commissario Eleuterio Dallari. Storie lontane, eppure legate da un’unica traccia, esile come un filo di fumo.

DELLO STESSO AUTORE:

FRANCESCO STRINGA

IL RESPIRO DELLA FARFALLA

DUE PALMI DI TERRA COLOR OCRA

IL LADRO DI MIRACOLI

Svuota
Fili di fumo, edizioni artestampa
FILI DI FUMO

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

21×15

Pagine

232

Anno

2018

ISBN

9788864625911

scegli il formato che desideri acquistare ➨

,

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

In offerta!

2 recensioni per FILI DI FUMO

  1. Debora

    Attendo con trepidazione la mia copia di questo libro! Ho già letto alcuni romanzi gialli ambientati nel ventennio fascista e penso che il perbenismo di facciata, così necessario per mantenere ben oleata la macchina della società dell’epoca, renda ancora più intrigante la trama dei noir. Il libro ha poi pregio di essere ambientata a Modena – una città che sto imparando ad amare. Insomma, non vedo l’ora di leggere questa opera!

  2. Francesco

    Mi è piaciuta molto l’idea che ha avuto l’autore, ovvero ambientare questa affascinante storia negli anni venti! anno perfetto per parlare di fascismo. Ancora meglio è l’ambientazione a Modena.

Aggiungi una recensione