I Giorni del Silenzio è il racconto per immagini della straordinaria chiusura totale della città nel 2020, durante la pandemia del coronavirus: Modena, i modenesi, lo smarrimento, la forza di affrontare la paura e reagire. Un viaggio in un quotidiano stravolto, in luoghi familiari irriconoscibili dove l’assenza ed il vuoto hanno scavato nelle nostre anime. Forse rendendoci migliori.

Svuota
I GIORNI DEL SILENZIO – Modena 2020, la chiusura totale

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia.

Marchio

Edizioni Artestampa

Formato

30×24,5

Pagine

132

Peso

820 gr

Data di Pubblicazione

19/10/2020

ISBN

9788864627748

Lingua

Italiano

scegli il formato che desideri acquistare ➨

5 recensioni per I GIORNI DEL SILENZIO – Modena 2020, la chiusura totale

  1. Marcello

    Rolando Montanini è stato in grado di fotografare una mancanza: la mancanza di socialità, contatto e quotidianità.
    La sua sensibilità nel cogliere gli elementi di normalità in certe circostanze, dove presenti, è invidiabile.
    Il libro è diviso in capitoli introdotti da una piccola descrizione, chiave di lettura per le foto che seguono. Consiglio l’acquisto!

  2. Valeria

    In questo volume si percepisce l’angoscia, ma al tempo stesso la speranza di un uomo testimone di una nuova realtà tetra e silenziosa in una città vuota e immobile, in assenza di persone, lasciata a sè stessa durante il lockdown. Per chi vuole rivivere in modo poetico quel tempo duro e drammatico attraverso le immagini di una Modena inedita.

  3. Giorgia

    Testimonianza di una città che è apparsa come città fantasma, in un momento che ha colpito tutti. Davvero toccante e Rolando Montanini in questo libro fotografico ha saputo dare prova delle sensazioni provate in quel periodo, che tutt’ora ci colpisce.

  4. Giorgia

    Testimonianza di una città che è apparsa come città fantasma, in un momento che ha colpito tutti. Davvero toccante e Rolando Montanini in questo libro fotografico ha saputo dare prova delle sensazioni provate in quel periodo, che tutt’ora ci colpisce.

  5. Elena

    Tutto è silenzio e assenza. L’unica voce che si sente, scorrendo queste pagine, è quella della desolazione. Forse le parole non servono è vero, bastano le immagini a raccontare la solitudine di questi luoghi durante la pandemia. Montanini usa la sua arte per scattare fotografie efficaci, che, probabilmente, resteranno scolpite nella memoria di ognuno di noi molto a lungo.

Aggiungi una recensione

Rassegna Stampa

Ti potrebbe interessare…