Vincitore sezione OPERA PRIMA “Premio Marco Bastianelli” 2006

Primo Premio Bastianelli 2007 come miglior libro fotografico dell’anno

Chernobyl è una parola che vorremmo cancellare dalla nostra memoria, ma questo sogno ci è precluso (Kofi Annan, ex segretario generale ONU).
Cosa resta, a vent’anni di distanza, del più grave disastro nucleare mai registrato? La notte del 26 aprile 1986, all’una e ventitré minuti, aveva inizio quella tragedia che si sarebbe protratta per anni, abbattendosi fino al presente sulle popolazioni inermi e sconvolgendo l’Europa del benessere. Lo scoppio del reattore nell’Ucraina dell’Ex Unione Sovietica ha aperto uno squarcio su un mondo abbandonato e dimenticato prima e dopo la strage. L’obiettivo di Ottani bussa alle porte di case e botteghe, si perde sulle interminabili strade innevate e negli occhi lucidi di freddo di chi è rimasto a sperare. Il volume, con oltre 200 immagini a colori e in bianco e nero, contiene testimonianze di Andriy Shevchenko e Paolo Belli.
L’opera, frutto di un progetto editoriale svolto con il supporto e la supervisione di Legambiente Solidarietà, è valsa al fotografo Luigi Ottani il premio Marco Bastianelli 2007 opera prima per il miglior libro fotografico.

Link: http://www.luigiottani.it/

Link: http://www.solidarietalegambiente.org/download/curriculum/senatore.html

Svuota
Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia