Un giorno, nella mitologemica bassa emiliana, domata ma non mai del tutto, gialla d’oro e di grano come l’oro dei barbari, tanto ricca come la fu di foresta, Martundè scoprì che talvolta la realtà supera la fantasia più sfrenata.

Ulisse degli Alamari vantava già ventitré anni e un quarto d’origine della città di Modena, un quarto di Ferrara, un altro della Bassa bolognese e un un ultimo delle colline, combinazione sufficiente e necessaria affinché non desiderasse altro nella sua movimentata e giovane vita che catturare un esemplare di drago.

 

FANNO PARTE DELLA STESSA COLLANA:

LA BOTTE NAPOLEONICA
MOMENTO DI TAGLIO
MEGLIO NASCERE CON L’ERBA ALTA
IL VIOLINO DELLA PLAKA
IL PRINCIPE DELLA PERSIANA
LE FIGURE DI PINOCCHIO
IL TORO NELLA NEBBIA
LA FORZA DELLE DONNE
SOPRANNOME DREAMER

 

Svuota
Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40*
*valido solo per l'Italia