5.00 di 5 calcolato sulle valutazioni di 2 utenti
(2 recensioni )

25.00

Storie, testimonianze, immagini intrecciate per raccontare quei caffè d’Europa, d’Italia e di Modena che sono usciti dal loro ruolo ordinario di spazi di ristoro per entrare nella leggenda, nei ricordi e nei sogni di grandi e piccoli personaggi. Il caffè ci appare in queste pagine come un modello in miniatura, preciso e completo, del vivere civile: uno spazio in cui si socializza, si discute, si viene a conoscenza delle ultime notizie e delle ultime mode. Andando un po’ indietro nel tempo, si scopre poi come i caffè siano stati il simbolo di un’appartenenza, “covi” ideali per poeti insonni, scrittori maledetti, cospiratori, cantanti: quei bar, quelle osterie dove sono nati e si sono sciolti movimenti, partiti, gruppi, dove tante notti si è pensato di cambiare il mondo sotto lo sguardo comprensivo dell’oste dietro al bancone. Ricostruire le vicende di questi luoghi storici spesso radicalmente mutati nel tempo – o addirittura scomparsi – è un po’ come ricomporre le maglie argentate di un sogno, perché i caffè sono stati e ancora sono la patria dei sogni perduti, gli spazi franchi dove ciascuno ha diritto – anche solo per una notte – a essere poeta.

Spedizione gratuita per acquisti superiori a €40